Cerca le Santissime Risposte

martedì 22 novembre 2016

Il cazzo corto: maledizione o dono di Dio?

« 
Fratello Tancredi,
ho un grande cruccio. Anzi in realtà piccolo: ho il cazzo piccolo.
Avrei un discreto successo con le donne, ma quando si tratta di concludere, mi faccio indietro perché ho il cazzo corto e temo sempre che la mia conquista possa scoppiare a ridere nel momento in cui mi tolgo le mutande: sono sicuro che tutte le donne atee tengono una lente e un doppio decimetro sotto il cuscino!

Fortunatamente, frequento solo donne devote e spiego loro che non è vero che i rapporti sessuali sono proibiti, ma solo che non bisogna spogliarsi prima del matrimonio. Grazie alle tue esegesi, citando Deuteronomio e Levitico, spiego che prima del matrimonio una donna, per non essere lapidata, basta non mostri all’uomo le sue nudità durante il rapporto sessuale.
Se lei si lascia convincere, va tutto bene, ma se lei non è credente o pensa che le scritture vadano interpretate in chiave più moderna, non mi faccio più sentire.
Ultimamente esco con una ragazza molto devota che ha rinunciato per me ai voti; ha tenuto con se la tonaca e le piace indossarla con sotto calze a rete e tacchi a spillo: dice che così rende contemporaneamente onore a me e al Signore.
È da qualche mese che però chiede di accendere almeno una candela durante i nostri amplessi per poter osservare il crocefisso appeso al muro durante l’orgasmo in modo da poter osannare il Suo nome a gran voce con maggiore convinzione e non so più cosa inventare per convincerla a restare al buio: per farla stare zitta, allora glielo pianto in gola fino al pelo e, devo dire, che lei trae grande soddisfazione nel leccarmi le palle mentre con la cappella le titillo l’ugola.
Ma il cazzo piccolo rimane un grande assillo: perché il Signore mi ha fatto questo? Ho peccato contro di lui? È una maledizione? Non poteva donarmi una minchia come quella di Rocco Siffredi?
Il dubbio di essere un peccatore mi attanaglia.
Aiutami!
Devotamente, tuo
Pipino il giapponese (soprannome affibbiatomi dagli amici di calcetto)

»

Fratello in Cristo Pipino,
il tuo cruccio è completamente infondato. Se la tua minchia fosse corta per un incidente, sicuramente si tratterebbe di una punizione del Signore, infatti è scritto: (Dt 23,2) Non entrerà nella comunità del Signore chi ha i testicoli schiacciati o il membro mutilato. La Bibbia quindi ci dice che l'importante è che sia corto naturalmente, per volontà di Dio, e non accorciato dall'uomo!
Il Signore ci dice anche che il cazzo, al momento opportuno cresce! Come stai ad erezione? Se sei devoto come dici, l'energia della benedittanza dovrebbe al momento opportuno scendere su di te e dovresti, al dunque, avere una discreta crescita durante l’eccitazione, specie se sei persona buona e caritatevole, infatti è scritto: (Ef 4,16) ... secondo l'energia propria di ogni membro, cresce in modo da edificare se stesso nella carità.
La lingua della tua amata è forse più grande della tua minchia? Eppure ti dona grande piacere nel nome del Signore! È proprio questa la volontà di Dio: (Gc 3,5) Così anche la lingua: è un membro piccolo ma può vantarsi di grandi cose. Ecco: un piccolo fuoco può incendiare una grande foresta!

Foresta in fiamme
La grande foresta di cui parla la Bibbia è, ovviamente, il pelo pubblico del microdotato che viene incendiato dall'incontro fra i due piccoli membri, la lingua di lei e il micropene di lui: la lingua di lei deve però, pur tenendo il pene eretto in bocca, poter arrivare alla foresta (il pelo pubico di lui), in modo da sviluppare l'incendio nella foresta all'attaccatura del pene, e questo può accadere, senza sbroccare, solo se il pene è adeguatamente corto!
E questo è proprio il dono che Nostro Signore ha fatto a te e alla tua amata!
Ovviamente anche il cazzo lungo e grosso ha i suoi vantaggi, ma Nostro Signore non fa preferenze fra chi ce l'ha grosso e chi ce l'ha piccolo: (Dt 25,13) Non avrai nel tuo sacchetto due pesi diversi, quindi le donne di fede devono ascoltare sia chi nel sacchetto delle mutande tiene un grosso peso, sia chi lo tiene piccolo: (Dt 1,17) Nei vostri giudizi non avrete riguardi personali, darete ascolto al piccolo come al grande.
Secondo il Signore (Gb 3,19) Il piccolo e il grande là sono uguali, perché (Sap 6,7) il Signore dell'universo non guarderà in faccia a nessuno, non avrà riguardi per la grandezza, perché egli ha creato il piccolo e il grande e a tutti provvede in egual modo. Essenzialmente Dio, per bocca del profeta, ha detto Chiù pilu per tutti!
 
Il profeta del Signore e le sue ancelle
D'altra parte Giacobbe, uno dei Suoi figli prediletti, ce l'aveva veramente piccolo, tanto che il profeta, narrando di quando il Signore lo sottopose ad estenuanti maratone sessuali, ha voluto invocare pietà per lui: (Am 7,5) Io dissi: «Signore Dio, desisti! Come potrà resistere Giacobbe? È tanto piccolo».
Giacobbe distrutto dalle prove sessuali imposte dal Signore
Comunque chi l'ha piccolo in questa vita sarà ripagato in paradiso: Giovanni Battista noto per la sua enorme minchia, sembrerà rispetto a voi un microdotato, se avrete fede! (Mt 11,11) In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui.
I tuoi amici ti irridono dandoti del Pipino il breve e rincarano la dose dandoti del giapponese, ma anche loro non devono essere granché: Gesù li ha visti smanettarselo ripetutamente per recuperare il turgore prima di farselo vedere da te che, invece, devotamente, eviti di toccarti, mostrandoti coraggiosamente a loro dopo la doccia gelata, così come vuole la volontà di Dio; poi però, a casa,
per consolarsi, si segano guardano film porno della categoria jap, dove i maschi ce l’hanno così piccolo, da nasconderlo dietro un'evidente pixelatura ottenuta dalla produzione solo dopo lunghe trattative rinunciando a parte del lauto compenso. Stolti! Non sanno che i giapponesi sono i prediletti del Signore! Leggiamo infatti: (Is 46,11) Sono colui che chiama dall'oriente l'uccello da preda, da una terra lontana l'uomo del suo progetto. Così ho parlato e così avverrà; l'ho progettato, così farò. Qui il Signore ci spiega chiaramente che l'uccello che trova facilmente preda sessuale arriva dall'oriente e cioè dal Giappone, la terra più lontana, in quanto agli antipodi della terra degli Ebrei. E ci chiarisce che se il cazzo dei giapponesi è così piccolo, è per Sua volontà: non è un caso, è Lui che l'ha progettato così!
La gloria dello Spirito Santo non si cerca con la lente!
L’uccello giapponese è avvantaggiato rispetto a quello occidentale: (Is 59,19) In occidente temeranno il nome del Signore e in oriente la sua gloria, perché egli verrà come un fiume impetuoso, sospinto dal vento del Signore. La Bibbia ci dice che gli occidentali dovranno temere il nome del Signore, ma i giapponesi, in quanto microdotati, rischieranno solo se perderanno la gloria dello Spirito Santo: ma non devono temere, lo Spirito eiaculerà la sua benedittanza come un fiume in piena coprendoci dalla punta dei capelli alle unghie dei piedi: non per nulla il bukkake stato donato da Dio ai giapponesi dal cazzo piccolo, quale forma di preghiera in onore della Madonna!
 
Bukkake, preghiera dei giapponesi alla Madonna, in memoria dei Magi
(mi raccomando, senza sprecare il seme!)
Gli orientali, con il loro micropene, sono infatti i benedetti dal Signore al punto che sono coloro che accorsero ad adulare la nascita di Cristo con potenti eiaculazioni; la scia della stella cometa era proprio la traccia celeste dell'eiaculazione di Baldasarre che, segato vigorosamente da Mechiorre, spruzzo nel cielo dall'oriente a Gerusalemme con tanta potenza da coprire, con eccellente mira, l'intero volto della Mammina Celeste: (Mt 2,1) Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme.
E a quale eiaculazione viene paragonata quella di Nostro Signore Gesù, la sua abbondante venuta? Proprio a quella folgore giapponese! Altro segno, se ancora necessario, che il micropene è benedetto da Dio! (Mt 24,27) Infatti, come la folgore viene da oriente e brilla fino a occidente, così sarà la venuta del Figlio dell'uomo.
E per finire l'Apocalisse: (Ap 7,2) vidi salire dall'oriente un altro angelo, con il sigillo del Dio vivente. Ovviamente il sigillo è la minchia del Signore, la minchia del Signore arriva da oriente, ovvero dal Giappone, visione simbolica ad indicare che anche Gesù era microdotato.


Le minchie dell'iconografia cristiana non brillano certo per dimensioni!
Caro fratello Pipino, porta quindi con orgoglio il tuo soprannome! Il maschio ipodotato è un dono del Signore alle pornostar che vogliono emulare le regine del deap throat, ma appena arrivano all'epiglottide vengono colpite da irrefrenabili conati.
il Signore ha creato appositamente per loro i partner col cazzo corto in modo da poterlo prendere fino al pelo senza vomitare e senza che il rimmel coli indecorosamente sulle loro guance.

Una regina giapponese e il suo dono del Signore!
Non sentirti quindi maledetto dal Signore: la tua amata è sicuramente una pornostar mancata ed Egli ha creato il tuo pene appositamente per lei che ama così tanto prenderlo in gola fino al pelo!

Benedittanza
 

Quanta le atee che vomitano bile prendendo in bocca enormi peni consacrati al demonio
Quanta le vergini che non conoscono le dimensioni di un pene carico di benedittanza
Quanta le sante che prendono in bocca micropeni leccando disinvoltamente le palle dei loro amati


Tancredi

22 commenti:

  1. ho capito, cari fratelli in cristo,che un pene piccolo non è disprezzato da nostro signore, ma in questo caso è opportuno sottoporsi alle operazioni per allungarlo di qualche centimetro.
    E' vero che nostro signore è misericordioso, ma le nostre compagne, pardon, fidanzate non lo sono e devono pure soddisfarsi con qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello in Cristo Nino, mi meraviglio di te e della tua poca fede! la preghiera sarà sufficiente allo "scopo": leggi cosa ci insegna il grande esegeta Moreno http://rispostecristiane.blogspot.it/2013/05/pregare-gesu-per-lo-sviluppo-del-pene.html
      benedittanza!

      Elimina
  2. Io credo che avere il cazzo piccolo non possa essere considerato un peccato. Un vero peccato è averlo molle quando serve duro e duro quando basterebbe molle. Chiediamolo, nelle nostre preghiere, alla Santa Madre di Cristo e rimaniamo fiduciosi che ci illuminerà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante parole fratello Zaratù! infatti, se è vero che nulla la Bibbia dice sulla mollizie del pene, certo, quando parla di altari dice che essi sono Eretti, e quindi la cappella deve essere sempre eretta come casa della benedditanza biancastra del Signore. Non per nulla le cappelle dei santi sono sempre erette ad opera del grande Architetto (certo per mano di umani architetti benedetti dal Signore).
      eretta benedittanza!

      Elimina
  3. Caro fratello Tancredi, ho letto con vivo interesse l’esegesi a cui rimandi il fratello Nino (http://rispostecristiane.blogspot.it/2013/05/pregare-gesu-per-lo-sviluppo-del-pene.html) riguardante il pene piccolo che, per delicatezza chiamerò uccellino. Orbene, non essendo ancora io stato “penetrato” da tanta saggezza cristiana, posso solo segnalare ciò che la mia modesta esperienza mi ha insegnato e dire, semmai, che un uccellone è spesso causa di rifiuto da parte di qualche fanciulla. Parlo in specifico dei Paesi asiatici, dove spesso mi reco e talvolta riscontro in qualche sorella una certa esitazione ad accostarsi al Sacramento della comunione. Eppure, nel grande disegno Divino tutto ha un senso: anche l’aver dotato gli asiatici di un uccello di misura ridotta. Dovremmo da questo intuire che il Buon Dio nostro Signore abbia voluto ostacolare promiscuità etniche fra le sue creature?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello in Cristo Zaratù, da come spesso osannano i nostri Frati "Cazzo di Cristo!" se vi sono gravi motivi, ma anche "l'uccellino di Gesù Bambino" per problemi minori, puoi capire come vi sia il Verbo nelle tue parole.
      Riguardo alla promisquità con fanciulle stranire invece bisogna fare attenzione al loro stato virginale: infatti è scritto (Gdc 21,11) "Farete così: voterete allo sterminio ogni maschio e ogni donna che abbia avuto rapporti con un uomo; invece risparmierete le vergini". Quindi puoi penetrare dolcemente col tuo grosso membro tutte le vergini straniere mentre quelle che hanno già conosciuto piccoli peni maschili non dovrai "risparmiarle", ma trombarle selvaggiamente "votandole allo sterminio" nel nome del Signore perchè il diniego non è per un figlio prediletto del Signore! Ma solo dopo il 4 dicembre: fino a quella data, un No è ben accetto ;).
      Benedittanza!

      Elimina
  4. Ho un grande turbamento: molti anni fa a causa di un incidente in moto ho perso la palla sinistra, quindi non potrò entrare nella comunità del Signore? Il pio cerusico che al tempo mi rappezzò mi disse che il Buon Dio ci aveva donato alcuni organi doppi proprio per rimediare a situazioni simili e continuare a vivere lodando il Creatore ( forse che Nostro Signore già durante la Genesi avesse determinato la pericolosità delle motociclette? ) comunque negli anni seguenti non ho avuto nessun problema, mi sono moltiplicato, e tutti i giorni aspergo la mia compagna di benedittanza cantando lodi al Signore. Fratello Tancredi illuminami sul mio destino..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello anonimo in Cristo, leggi con attenzione la parola di Dio: (Dt 23,2) "Non entrerà nella comunità del Signore chi ha i testicoli schiacciati o il membro mutilato."
      le condizioni, alternative fra loro, per impedire non solo l'ingresso in Chiesa, ma anche di andare in giro la notte in comunità con i tuoi devoti amici dopo abbondanti bevute di sangue di Cristo (evita la birra! è il sangue di satana e dei pastafariani!) ad osannarne a gran voce il nome sotto le finestre del parroco, sono due sole:
      - testicoli schiacciati
      - cazzo mutilato
      tu hai il cazzo intero ed una palla sola, ma assolutamente non schiacciata!
      Proprio come ti disse il medico, evidentemente sant'uomo, l'organo doppio è una garanzia fornita da Nostro Signore, come potrebbe poi contraddirsi nella Scrittura?
      Non temere dunque e continua ad osannare il Signore in comunità secondo le scritture!
      Benedittanza!

      Elimina
  5. Caro fratello Tancredi, non capisco come mai Dio non accetti un 'uomo' col cazzo mutilato. Guardiamo, ad esempio, il caso del signor Bobbit; effettivamente non conosco il personaggio, pero' poteva essere benissimo un buon credente, e soltanto perchè la moglie gli ha tagliato l'uccello, lui non puo' piu' entrare nel regno di Dio...non capisco. E se poi uno se lo riattacca con la chirurgia?
    Ti prego di darmi una risposta perchè non ho paura di perdere l'uccello ma magari qualche calcio nei coglioni accidentale puo' capitare, e solo per questo non posso entrare nel regno di nostro signore gesu' Cristo....non ci credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello Anonimo in Cristo, la motivazione del comandamento è ovvia: compito del maschio è fecondare la femmina, se non sei in grado di fecondare non servi a una beneamata mazza! ops ... appunto.
      Capiamo le parole di Dio: un calcio nei coglioni non ti schiaccia i testicoli perennemente, ma fintantochè rimangono schiacciati e doloranti sicuramente non avrai desiderio di trombare e spruzzare dentro. Quindi, fintantochè lo schiacciamento non passerà e la voglia di fecondare non si sarà riattizzata, ebbene, dovrai stare lontano dalla casa del Signore.
      e ovvio che col cazzo mozzo non puoi fecondare e quindi via! lontano dalla mensa del Signore! Secondo te perchè il Bobbit si è fatto ricucire la minchia? perchè era molto devoto della messa e non poteva fare a meno di parteciparvi. Tutte le donne a cui l'ha Messa dopo che gliel'hanno ricucito possono testimoniare la sua fede e la sua devozione!
      abbi fede: Gesù non sbaglia mai!
      Benedittanza!

      Elimina
    2. La ringrazio per la risposta fratello Tancredi, chiedo scusa per non aver detto chi sono, mi chiamo Marco.
      Ma tornando al discorso, non è che nostro signore possa avere un altro piano per le persone col cazzo mozzo? Potrebbero spargere la parola di Dio al posto dello sperma, potrebbero convertire miscredenti...tra l'altro uno a cui hanno mozzato il cazzo potrebbe già avere 10 figli. Comunque, non ho capito perché mi stia così a cuore il destino di uno col cazzo mozzo ma è così, per cui le chiedo cortesemente di illuminarmi con le sue risposte fratello Tancredi.
      Dixi

      Elimina
    3. Fratello Marco (Anonimo) in Cristo, chi siamo noi per capire il disegno di Dio? pensa di essere un tratto di matita dentro un disegno: credi potresti capire qualcosa del disegno non potendolo osservare dall'alto, vedresti solo alcuni tratti, quelli più vicini a te e completamente in assenza di prospettiva. Il disegno di Dio per noi è per lo più uno scarabocchio e, per quello che ne sappiamo, tale in effetti potrebbe essere se anche potessimo elevarci a guardare dall'esterno. Fortunatamente però il Signore ci fornisce delle fotografie della visione dalla giusta prospettiva, la Sua! E ce le fornisce dove? Nella Bibbia! Cerchiamo quindi quale è il posto dei cazzi mozzati nello scarabocchio di Dio.
      Gen 40,2) "Il faraone si adirò contro i suoi due eunuchi, il capo dei coppieri e il capo dei panettieri" quindi, specie se sei egizio, puoi fare il barman e il panificatore.
      Gdt 12,11) "Disse a Bagoa, l'eunuco sovrintendente a tutti i suoi affari: «Va' e persuadi la donna ebrea che è presso di te a venire con noi, per mangiare e bere con noi" (Est 2,14) "l'eunuco del re, custodiva le donne" quindi se sei ti hanno mozzato la minchia e hai un amico timido e regale, puoi andare a invitare per lui le donne per suo conto e custodirle per lui in sua assenza, godendo della sua piena fiducia.
      Gesù però disse (Mt 19,12)"vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca": cosa intendeva dire? che se sei nato col cazzo corto, va bene così: era volontà di Dio, se te l'anno mozzato gli uomini, potrai fare solo i tre mestieri che la Bibbia indica, barman, panettiere e ruffiano, ma se te lo tagli di tua volontà allora avrai il regno dei cieli. Questo non contraddice il precetto di non partecipare alla Messa, anzi, fornisce una via di salvezza a coloro che non hanno voglia di andare a Messa: tagliatevi il cazzo e andrete lo stesso in paradiso! Ovviamente se da piccolo sei stato battezzato: (At 8,38) "Fece fermare il carro e scesero tutti e due nell'acqua, Filippo e l'eunuco, ed egli lo battezzò".
      Io personalmente però, ti consiglio la messa ...
      Benedittanza!

      Elimina
  6. Grazie fratello Tancredi in Cristo. Da ciò posso dedurre che il tema delle minchie mozzate stesse a cuore a molti altri prima di me e prima che Gesù Cristo facesse chiarezza sulle, a questo punto, 'incomprese' parole di Signore nostro Dio. Non a tutti coloro i quali sia stato mozzato lo sventrapapere è vietato l'accesso al regno di Dio, no, se te lo sei tagliato tu stesso, tranquillo, il paradiso è tuo.
    La ringrazio fratello Tancredi, la sua saggezza sconfinata mi permette di dormire sogni tranquilli, sapendo che se mai dovessi decidere di recidere il mio trallalla', il regno dei cieli sarebbe ancora mio. Benedittanze a tutti.

    Tuo fratello Marco in Cristo normodotato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello in Cristo Marco normodotato, Osanna ripetutamente il Signore con le sue bestie preferite e il paradiso sarà tuo senza doverti mozzare la minchia!
      Benedittanza!

      Elimina
  7. Caro fratello Tancredi. Sono sempre più confuso. Questo sito ha e adempie egregiamente allo scopo di illuminare i fedeli nel tortuoso cammino della vita e sostenerli nel difficile compito di neutralizzare gli attacchi del Maligno; tuttavia spesso e con cristiana sofferenza riscontro nei post di molti frequentatori malcelate provocazioni e ingiurie alla nostra Santa Fede che spesso rasentano la blasfemia. Ho cercato di chiedermene il perché (della blasfemia) e sono giunto alla conclusione che è come una medicina omeopatica, nel senso che uno sputa fuori, liberandosene, tutta l’immondizia che da questo mondo perverso gli entra per gli occhi e le orecchie. Un po’ come la merda che esce dalla bocca di Dio. Cosa ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello in Cristo Zaratù, dalla tue parole traspare una grande fede! purtroppo questi pseudocredenti omeopatici si curano diluendo nei loro crani pieni d'acqua parti infinitesime di fede e il risultato (come insegna la scienza omeopatica)è proprio l'opposto: la crescita della blasfemia! preghiamo per loro e per le loro animazze immonde! vomitiamo tonnellate di preghiera sui loro volti! osanniamo sulle loro facce il nome del Signore associandolo alle sue creture preferite, il più caro amico dell'uomo e quello di cui non si spreca nulla!
      Benedittanza!

      Elimina
  8. Cari fratelli in cristo, ho letto che un certo mohamed abba, senza pene dall'età di sei anni a causa di un incidente, finalmente all'età di 36 ne ha avuto uno nuovo di zecca. Si tratta di un meccanismo con pompetta, di cui molti uomini con potenti mezzi pecuniari si armano in mancanza di quello di carne.
    Ebbene il signor abba se fosse cristiano, con il nuovo aggeggio artificiale, andrebbe in paradiso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello in Cristo Nino, come anticipato nelle risposte precedenti, la parola del Signore ha sempre un motivo, a volte è incomprensibile (allora si parla di scarabocchio di Dio), a volte è chiara (allora è disegno di Dio).
      In questo caso si tratta di disegno: Dio non vuole in chiesa gente che non sia in grado di procreare! dopo la ricostruzione Abba è di nuovo in grado di farcire opportunamente la gnocca della sua amata e di ingraiarla alla grande nel nome dei Signore. infatti non ha più il cazzo mozzo!
      come vedi tutto quadra: peccato sia un infedele e comunque destinato alla Geenna in quanto la farcirebbe nel nome del signore sbagliato!
      Ma non te ne crucciare: in Paradiso c'è un numero di posti limitato (166.000 secondo l'Apocalisse) per cui più gente è predestinata all'inferno, meglio è per noi!
      Benedittanza!

      Elimina
    2. ma io preferisco andare all'inferno dove ci sono le puttane

      Elimina
    3. Fratelo in Cristo Zaratù, ma sei proprio sicuro che le puttane vadano all'inferno?
      Le prostitute vanno all'inferno solo se sono figlie o mogli di sacerdoti oppure se non hanno l'accortezza di comprarsi una casa propria e si prostituiscono ancora nella casa dei genitori! infatti è scritto (Levitico 21:9)“Se la figlia di un sacerdote si disonora prostituendosi, ella disonora suo padre; sarà bruciata con il fuoco”. (Deut 22:21) “allora si farà uscire quella giovane all'ingresso della casa di suo padre, e la gente della sua città la lapiderà a morte, perché ha commesso un atto infame in Israele, prostituendosi in casa di suo padre. Così toglierai via il male di mezzo a te”.
      Vai tranquillo: le migliori sono in paradiso per la gioia dei Santi!
      Benedittanza!

      Elimina
    4. Hai ragione. quelle che normalmente sono definite puttane sono in verità molto più apprezzabili e rispettabili di tante che puttane non appaiono ma lo sono nel profondo della loro essenza. Non sfruttano e non ingannano, quindi andranno in paradiso. All'inferno andranno le ipocrite, le sboldrine, le morette, le picierne, le lorenzine ecc.

      Elimina
    5. Fratello in Cristo Zaratù, questo video ti riguarda!
      https://www.youtube.com/watch?v=Tp-KoSRV4Pw
      Benedittanza!

      Elimina

Cari fratelli e sorelle in Cristo, i commenti saranno moderati per evitare che eventuali intemperanze possano offendere i nostri lettori più sensibili. Sappiatevi regolare.